Innumerevoli sono i racconti del mondo. Sotto queste forme quasi infinite il racconto è presente in tutti i luoghi, in tutte le società; il racconto comincia con la storia stessa dell’umanità; non esiste, non è mai esistito in alcun luogo un popolo senza racconti; tutte le classi, tutti i gruppi umani hanno i loro racconti e spesso questi racconti sono fruiti in comune da uomini di culture diverse, talora opposte; il racconto si fa gioco della buona e della cattiva letteratura; internazionale, trans-storico, transculturale, il racconto è là come la vita.

R. Barthes, Introduzione all’analisi strutturale dei racconti

“Il racconto è là come la vita” richiamo spesso alla memoria questa frase, quando inizio un lavoro creativo. Forse lo faccio per rassicurarmi, perché segretamente spero di poter trovare il racconto che sto cercando proprio vicino a me. Spero di allungare una mano per prenderlo, svilupparlo, farlo mio e poi di tutti. E allora perché è così difficile raccontare? 

La risposta che mi sono data è che mentre sei dentro la vita, non riesci a guardarla. Sei nel flusso del tuo mondo, della quotidianità, e non riesci a fermarti per fotografarla. E quindi? 

Io il mio metodo credo di averlo trovato. E credo che a Barthes potrebbe piacere. Ed è quello delle mappe logiche, o mappe mentali. La capacità di mettere su un’unica pagina tutto un universo, con al centro un obiettivo, un punto focale, attorno al quale costruire una corona potenzialmente infinita di concetti, dai più rilevanti ai più lontani. Le mappe logiche sono per me la base di ogni racconto, la fonte di collegamenti immediati o inediti e lontanissimi. Quando voglio raccontare un fatto, mi limito ai fondamentali. Quando voglio incuriosire, faccio un salto carpiato per tentare di collegare concetti che sembrano non avere niente a che vedere l’uno con l’altro.

E da una mappa esce sempre un racconto. Anzi, la meraviglia è che ne nascono sempre molti, e più è complessa la mappa, più i racconti sono articolati, scavano nelle diverse pieghe del reale, o sono semplicemente divertenti. 

Ecco dove trovo il mio racconto, proprio là, sulla mia mappa. Là, vicino a me. Là come la vita.